Guida alla scelta delle Scarpe antinfortunistiche

Guida alla scelta delle Scarpe antinfortunistiche

Le scarpe infortunistiche sono un dispositivo di protezione individuale, indispensabili in molti luoghi di lavoro. In questo articolo analizzeremo le diverse tipologie e caratteristiche delle scarpe antinfortunistiche e come scegliere il modello più adatto per le proprie esigenze.

Scarpe antinfortunistiche, caratteristiche

Le scarpe infortunistiche sono un dispositivo di protezione individuale e rappresentano uno strumento fondamentale in molti ambienti di lavoro, in quanto hanno lo scopo di proteggere il lavoratore da eventuali rischi. Anche quando sull'ambiente lavorativo vengono rispettate tutte le procedure di sicurezza, possono capitare sempre rischi o inconvenienti: per questo la scelta della corretta scarpa infortunistica rappresenta un aspetto da non sottovalutare. Le scarpe antinfortunistiche devono rispecchiare determinati requisiti, come previsti dalla normativa europea UNI EN IS 20345 che fornisce una guida dettagliata delle caratteristiche basilari e facoltative delle scarpe da lavoro.

La maggior parte delle scarpe antinfortunistiche presenta diversi elementi in comune, quali puntale di sicurezza, antiperforazione, antiscivolo, antiolio, assorbimento energia nel tallone, e antistatica. A questo si possono aggiungere anche l'impermeabilità e l'idrorepellenza, caratteristiche necessarie in alcuni ambienti di lavoro. In commercio esistono diverse tipologie di scarpe infortunistiche, per questo la scelta deve basarsi sulla nostra professione e sulle esigenze che abbiamo nella vita di tutti i giorni. Su Heycasa.it specialista del fai da te e del bricolage, troverai tantissime soluzioni per la protezione individuale, dalle scarpe, al vestiario, cuffie, elmetti, caschi, mascherine e molto altro.

Scarpe antinfortunistiche, quali sono le tipologie

Esistono 4 tipi di scarpe antinfortunistiche diverse, adatte ad ambienti di lavoro e professioni diverse:

    • 1. Scarpe antinfortunistiche alte: in questa categoria rientrano sia le scarpe che proteggono fino alla caviglia sia quelle che, come gli stivali, arrivano fino al ginocchio. Ottime soprattutto per proteggersi dal freddo.

    • 2. Scarpe antinfortunistiche basse: questo è il modello generalmente più diffuso, l'altezza della scarpa arriva al malleolo e serve a proteggere principalmente il piede.

    • 3. Sandali antinfortunistici: questo modello non prevede una chiusura tramite lacci, ma utilizza il velcro, per agevolare l'operazione di allaccio e slaccio della calzatura.

    • 4. Zoccolo antinfortunistico: si tratta dell'unico modello aperto e vengono utilizzate prevalentemente negli ambienti sanitari e della ristorazione.

Scarpa antinfortunistica, come scegliere il numero giusto

Al momento di scegliere la scarpa antinfortunistica più adatta alla propria esigenza bisogna prestare particolare attenzione anche alla tipologia di piede. Dal momento che verranno utilizzate diverse ore al giorno, è fondamentale che la calzatura risulti comoda e offra un appoggio confortevole.

La dimensione della scarpa antinfortunistica è dunque un parametro importante e da non sottovalutare: la calzata deve avvolgere il piede e dare stabilità, ma al tempo stesso non risultare troppo stretta, impedendo al piede di respirare. Anche una calzata troppo larga può causare problemi: una scarpa antinfortunistica eccessivamente grande può causare vesciche da sfregamento e a lungo andare può risultare dannosa per il piede e compromettere la sicurezza sul lavoro.

Calzature antinfortunistiche, scelta della suola e della tomaia

La scelta delle scarpe e calzature da lavoro deve prendere in considerazione alcuni elementi, come la scelta della tomaia e della suola più adatte al nostro luogo di lavoro ed esigenze.

La scelta della suola di una calzatura antinfortunistica è una delle caratteristiche principali da tenere in considerazione: un modello che preveda antiscivolamento, resistenza alle temperature alte o basse e sostegno nella camminata, sarà sicuramente da preferire. Bisogna prestare inoltre molta attenzione non solo alla caratteristiche che offre la suola ma anche al materiale che la compone.

Una suola in poliuretano risulterà più leggera mentre una suola in gomma, seppur più pesante, offrirà maggiore protezione dalle alte temperature. Infine bisogna considerare lo spessore della suola: la scelta tra suola rigida o suola flessibile, anche in questo caso, è legata soprattutto al tipo di lavoro e all'ambiente dove ci muoveremo.

Una suola più rigida e pesante garantisce maggior protezione e ammortizzazione e una migliore tenuta antiscivolo: un ottima soluzione sia per chi lavora in terreni accidentati ma anche per chi necessita di un supporto maggiore.

Una suola più leggera e flessibile sarà invece da preferire se si cammina o ci si piega molto durante il giorno, poiché offrirà un maggior supporto a schiena e articolazioni.

La scelta della tomaia e, in particolare, del materiale che la compone, non ha, in questo caso, un mero valore estetico, ma deve ricoprire un aspetto funzionale, in grado di fornire comfort per tutta la giornata. Per chi lavora in ambienti difficili è meglio optare per una tomaia semplice in pelle, con poche cuciture. Chi invece lavora in ambienti più asciutti può preferire un materiale più leggero e traspirante.

Alcuni modelli di scarpe da lavoro


Abbiamo selezionato alcuni modelli tra quelli più ricercati e più venduti:

Scarpa antinfortunistica da lavoro

SCARPE ANTINFORTUNISTICA 'YELLOW' N. 38 - UPOWER
Tomaia in pelle scamosciata morbida e nylon ultra traspirante, soffietto in nylon imbottito. Fodera wingtex a tunnel traspirante

Scarpa antinfortunistica uomo

SCARPE ANTINFORTUNISTICA '7354N' N. 43 - BETA
Tomaia in tessuto mesh idrorepellente con inserti in TPU

Scarpa antinfortunistica donna 
SCARPE ANTINFORTUNISTICA '7212LG' N. 40 - BETA
Modello donna. Estremamente flessibili e leggere